Articoli della categoria "Articoli"
Giu
25
2019

GF LA MONTBLANC : GS AQUILE ANCORA SUL PODIO

Si è corsa ieri la settima edizione della granfondo La Montbalnc. Ad un mese dalla conclusione della tappa valdostana del Giro d’Italia Courmayeur torna protagonista in ambito ciclistico. Questa volta è toccato agli oltre 1000 amatori iscritti alla granfondo colorare il centro del paese ai piedi del Monte Bianco. Tre percorsi di differente difficoltà, un’unica partenza alle 9.00.
La corsa di casa è da sempre uno degli obbiettivi del GS Aquile a caccia anche quest’anno di un posto tra i primi dieci team al via. E il sodalizio di Aosta non ha deluso le aspettative dei propri iscritti e dei propri tifosi conquistando nella speciale classifica riservata alle società il terzo gradino del podio alle spalle soltanto delle due corazzate piemontesi, Azimut Rodman e Passatore, ormai da anni ai vertici della Coppa Piemonte.
A livello individuale da rimarcare sul tracciato corto la vittoria di categoria per Carlo Inglese, 14° assoluto, e il terzo posto tra i pari età del più anziano del gruppo Gabriele Centelli. Sul medio ottima prestazione della neo arrivata Sonia Nouchy, 5° nella sua categoria, ma non sono state da meno anche le sue compagne Giulia Marrama Saccente e Alessandra Plat protagoniste al femminile. In campo maschile miglior tempo per il veterano Lorenzo Baldon che precede Paolo Besenval. Infine il tracciato più lungo, l’unico che prevedeva l’ascesa al colle San Carlo, ha visto protagonisti Simone Massimino, Didier Coquillard, Simone D’Amico, Stefano Della Rossa, Corrado Allasia e Franz Stuffer.
Un successo di squadra che premia il sodalizio di Aosta per la capacità di veicolare i propri atleti negli eventi organizzati sul territorio regionale e che proietta il Gs Aquile versa l’appuntamento clou del prossimo 14 luglio, il IX Memorial Elio Ceccon. E intanto domenica prossima si torna a correre in uno tra gli eventi principe del calendario nazionale, la granfondo Fausto Coppi a Cuneo.

Giu
18
2019

UNA SPORTFUL IN EDIZIONE SPECIALE

Si è corsa domenica scorsa, 16 giugno, l’edizione 2019 della Gf Sportful. La gara di Feltre si contende il primato di granfondo più dura d’Europa con l’Oeztaler Radmarathon. Un percorso lungo oltre 200 km reso quest’anno ancor più impegnativo con la piccola modifica apportata dagli organizzatori al fine di renderlo esattamente uguale  all’itinerario del tappone dolomitico del Giro d’Italia. 210 km per un dislivello positivo di 5200 metri; da scalare per chi volesse compiere l’impresa di completare il percorso lungo : Cima Campo, passo Manghen, passo Rolle e Croce d’Aune con il terribile e inedito dente finale del Monte Aveta.
Erano due i portacolori del GS Aquile al via, entrambi in gara sul tracciato più impegnativo. Prima il caldo torrido, poi la grandine che sul passo Rolle ha costretto gli organizzatori a fermare parte del gruppo, non hanno impedito a Stefano Della Rossa e a Danilo Fabbri di conquistare lo storico traguardo. Poco conta il loro crono finale se non per certificare un successo personale da raccontare ad amici e famigliari: Stefano Della Rossa ha completato la propria gara in 10 ore 32 minuti, 174° tra gli M3, Danilo Fabbri ha invece impiegato 12 e 12 minuti classificandosi 313° tra gli M4. Per entrambi una nota di merito speciale visto l’impegno profuso la scorsa settimana rispettivamente nella Milano Sanremo e nella granfondo Alé La Merckx. E chissà che per qualcuno non sia ancora finita….

Giu
18
2019

CIRCUIT DU GRIMPEUR: A ROVEYAZ LA TAPPA DI TORGNON

Ai 1800 metri di altitudine di Chantorné, là dove era posto il traguardo della cronoscalata che ha aperto il Circuit du Grimpeur 2019, si è imposto Simone Roveyaz, l’unico capace di fermare il cronometro sotto i 27 minuti. Assente il campione uscente Wladimir Cuaz, a contendere il successo allo scalatore di Courmayeur è stato Erik Rosaire, già vincitore lo scorso anno sullo stesso tracciato, seppur con condizioni meteo molto diverse. Sul terzo gradino del podio è salito il veterano Paolo Ramella che ha recuperato negli ultimi chilometri di gara i secondi di svantaggio che al controllo intermedio lo separavano dal giovane André Lavanché. Il portacolori del team Benato ha conservato il primato nella sua categoria candidandosi al ruolo di volto nuovo della kermesse 2019. Le prime dieci posizioni assolute sono state completate da: Leonardo Mona, Marco Dovana, Christian Vallet, Alessandro Marchini, Alain Kofler e Ivan Airola Sciat. In campo femminile si è confermata Alessandra Plat che ha preceduto Chiara Pino in una clasifica, aihmé, troppo corta; tra gli M8 (SgB) dominio incontrastato di Carlo Champvillair, fresco vincitore del campionato italiano della montagna Csain.
Assenti i titolati veterani, protagonisti di tante edizioni del Circuit, sono stati dieci i portacolori del GS Aquile presenti alla manifestazione. Già detto di Alessandra Plat, va sottolineato il successo tra gli M7 per Paolo Castellaro davanti al compagno di sodalizio Oscar Stoppa; ottimo secondo posto di categoria anche per Didier Coquillard che migliora la posizione dell’anno passato. Per gli amanti delle statistiche il più veloce tra gli aquilotti è stato Simone Massimino, 34 minuti e 52 secondi il suo crono finale. Una nota di merito spetta anche al giovanissimo Jacques Tercinod che ha confermato i progressi di questo inizio di stagione, agli esordienti Paolo Besenval e Corrado Allasia e all’esperto e mai domo Carlo Inglese.
Se dal lato tecnico la kermesse valdostana si conferma di primo livello grazie anche alla partecipazione di una selezionata, ma agguerrita “rappresentativa” piemontese con atleti spesso protagonisti sulle salite della nostra regione, dall’altro non si può non rimarcare qualche assenza di troppo , soprattutto tra gli atleti di casa. Sono stati infatti solo 46 i partecipanti alla gara, troppo pochi considerate la meteo favorevole, la bellissima sede d’arrivo e l’ottima organizzazione del Velo Zerbion cui rimane il riscontro positivo di chi c’era.
Il Circuit du Grimpeur ritornerà domenica 14 luglio con il IX Memorial Elio Ceccon X Cicloscalata Quart Lignan; si tornerà a correre in linea in attesa di nuovi e vecchi protagonisti. In casa Gs Aquile fervono i preparativi!!

Giu
12
2019

Memorial Ceccon 2019

Nona edizione per il Memorial Elio Ceccon, X cicloscalata da Quart a Lignan. Appuntamento domenica 14 luglio. Confermati il percorso che non subisce variazioni rispetto all’anno passato con l’arrivo anticipato per ragioni di sicurezza a Clemensod, in ingresso a Saint Barthelemy, e la logistica con il ritrovo per le iscrizioni e la verifica tessere al Villair di Quart presso la struttura polivalente che ospita la biblioteca.
Apertura della procedura di iscrizione dalle ore 07.45 fino alle 09.30. Partenza dal parcheggio delle scuole medie alle ore 10.00.
La manifestazione è riservata ai tesserati amatori FCI e agli enti di promozione sportiva in regola con il tesseramento 2019, non potranno partecipare i cicloturisti, i ciclosportivi né coloro che non sono in possesso di un tesserino abilitante alla partecipazione alle gare ciclistiche.
Al termine della prova sarà possibile pranzare presso il ristorante in fondo al paese in attesa della premiazione che avverrà indicativamente intorno alle 13.30.
Il Memorial Ceccon, seconda tappa del Circuit du Grimpeur Valle d’Aosta, assegna anche quest’anno in unica prova le maglie di campione regionale della montagna FCI per categoria.
Il trofeo Ceccon andrà alla società prima classificata escluso il Gs Aquile, sodalizio organizzatore; premi anche per il secondo e il terzo team classificati.
Di seguito la documentazione inerente la manifestazione.
.:Documentazione:.
Programma
Regolamento
Modulo iscrizione singola
Modulo iscrizione squadra
Percorso con tabella oraria
Altimetria percorso
Giu
10
2019

DA VERONA A SANREMO, UNA DOMENICA DI LUNGHE DISTANZE…

Erano i due appuntamenti più attesi del calendario amatoriale nazionale, almeno nel nord Italia: a Verona si è corsa ieri, domenica 9 giugno, la Gf Alé La Merckx, a Sanremo era fissato il traguardo della Milano Sanremo edizione 2019. Se la prima assegnava per la prima volta le maglie di campione europeo granfondo per le categorie amatoriali, la seconda ripercorreva in tutto e per tutto il tracciato della classicissima di Primavera.
Due i portacolori del team Aquile al via in entrambe le prove: a Verona Danilo Fabbri e Giovanni Viscio hanno vissuto l’emozione di partire da piazza Bra, al cospetto dell’Arena, insieme a oltre 2000 partecipanti. 130 km con oltre 2600 metri di dislivello quelli percorsi dai due aquilotti prima dell’arrivo in cima alle Torricelle dove qualche giorno fa transitò il Giro d’Italia. Fabbri e Viscio hanno impiegato poco più di 5 ore per portare a termine la loro fatica classificandosi rispettivamente 93° e 105° tra i pari età.
A Sanremo si è conclusa invece la lunga cavalcata di Andrea Bryer e Stefano Della Rossa: 290 km per ripercorrere il mitico percorso della classicissima di Primavera. Scalati il Turchino, i capi Mele, Cervo e Berta, la Cipressa e il Poggio, con la pioggia come indesiderata compagna di viaggio, i due alfieri del GS Aquile hanno superato la linea d’arrivo con un’ora circa di distanza l’uno dall’altro; poco più di 9 le ore impiegate  dall’esperto Stefano Della Rossa alla sua seconda partecipazione, poco più di 10 invece dal neofita Andrea Bryer, provato sulle ultime ascese, ma soddisfatto per la nuova avventura portata felicemente a termine.

Pagine:1234567...79»